Tutto sul melone

Tutto sul melone


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Charentais, gialli, lisci, a coste, ci sono più varietà più o meno dolci ma tutte deliziose.

Da dove vengono i meloni?

I meloni appartengono alla famiglia delle cucurbitacee. A priori, provengono dall'Africa intertropicale, e questo nonostante questa origine sia discussa. Vi sono tuttavia tracce di questa cultura cinque secoli aC nel delta del Nilo, da dove la loro produzione ha gradualmente guadagnato la Grecia con il nome di "Pepon", in altre parole "cucinato dal sole", Italia. Questi primi meloni, il cui peso non superava i 50 g, venivano usati come condimento. Questo è il XV secolo che i francesi stanno riscoprendo il melone - citata da Carlo Magno, ma che sembra essere scomparso nel frattempo - che diventerà rapidamente un frutto preferito della corte di Francia e attraverso l'opera di Giovanni Battista di Quintinie, che li acclimatò nell'orto del re Luigi XIV.

Quali sono le principali varietà?

Ci sono più di 650 varietà. Tuttavia, non sognare, ne abbiamo solo una mezza dozzina per i nostri giardini. Tra i più noti sono: il Cantalou l'arancia carne chiamato anche "Charentais" Galia la carne verde smeraldo, melone ricamato così chiamato a causa della comparsa del suo vestito di pelle con ricami, melone Spagna forma di un pallone da rugby giallo brillante, il giallo canarino, la melata o "melone di melata", che ha una polpa verdastra e può pesare fino a 2 kg. In garden center si trova sotto forma di semi o piantine, varietà come il melone Santon, ibrido (Clausola ottenere) Jerac F1, l'ibrido F1 Eleanor (ottenendo Vilmorin) tipo Charentais. La loro ibridazione li rende resistenti al fusarium. L'ibrido Caesar F1 (che ottiene la clausola) è un melone ricamato che si sviluppa liberamente e non richiede quasi alcuna potatura. I meloni Galia F1 o Ardor F1 stile Charentais (catalogo Willemse) sono eccellenti conservazioni. Il melone dolce di Tours è una varietà molto antica di tipo ricamato, molto precoce molto dolce che viene coltivato facilmente.

I meloni crescono in qualsiasi clima?

Dopo secoli di acclimatazione, i meloni possono crescere in qualsiasi clima - o quasi - con più o meno successo a seconda del sole. Tuttavia, alcune varietà come i meloni di color giallo canarino, quelle a polpa bianca verdastra o il Cavaillon con polpa rosa, sono riservate alle regioni mediterranee o nel sud-ovest.

Come si sviluppa il melone?

I meloni sono piante sarmentanti che colano, dotate di viticci, che possono essere eseguiti, sia in forme striscianti che rampicanti. Da maggio a settembre, la liana è coperta di fiori gialli. I fiori maschili appaiono per primi. Nascono quindi frutti ovali o rotondi. A seconda della varietà, la buccia del frutto può essere a coste, ricamata, paffuta, liscia o irregolare e il suo colore copre l'intera tavolozza dal giallo al verde senza dimenticare il bianco.

Come lo coltiviamo?

I meloni sono coltivati ​​per seme. Il cuore del frutto contiene semi oblunghi, piatti e giallastri che possono essere seminati in una serra nel caso di un cosiddetto raccolto "frettoloso", cioè direttamente nel terreno da maggio. Nella cultura "precoce" mettere due semi in un secchio di torba in una serra riscaldata a 20/25 ° C. Quando i due cotiledoni di ciascun seme sono chiaramente visibili, trapiantare ogni pianta in un singolo vaso spingendo il gambo in terra ai cotiledoni. Lascia i vasi sotto il telaio fino a quando le piante non hanno sviluppato 3 o 4 foglie, quindi possono essere trapiantate. La coltivazione in piena terra deve essere preparata seppellendo un letto di letame coperto di terriccio. La semina viene quindi effettuata in "poquet", ovvero da 4 a 5 semi collocati in ciascun foro, al ritmo di una piantagione ogni 50 cm perché i meloni hanno bisogno di spazio per svilupparsi. Ripara le tue piantagioni sotto un tunnel di plastica. Quando le piante iniziano ad avere più foglie, rimuovine le più deboli.

Come potare le tue piante?

La potatura viene effettuata pizzicando non appena l'aereo inizia ad avere più foglie. Basta pizzicare l'aereo sopra le prime due foglie che daranno vita a un nuovo gambo. Quando queste ultime hanno 4 foglie, pizzicale di nuovo, mantenendo solo tre foglie dopo ogni frutto. Rimuovi le foglie che coprono i giovani meloni in modo che siano soleggiate.

Che cure dovrebbero prendere e di quali malattie possono soffrire?

Questo ortaggio da frutto detesta il riposo sul terreno umido. Installarlo su un strame perle d'argilla, o su una piastra di argilla, che si accumulano il calore necessario e proteggere la risalita di umidità, vettori di malattie. Se il suo fabbisogno idrico è relativamente elevato, annaffiatelo sempre con il piede usando un annaffiatoio senza mela e mai sulle foglie. Poiché la formazione dei primi frutti sviluppa un concime polvere base di fosfato di potassio rapidamente assimilati e consentirà una migliore sviluppo di quest'ultimo, a 80 g per m2. Meloni sono sensibili a certi funghi come oidio e muffa che causano marciume, Fusarium e mosaic virus che viene trasmesso dalle punture di afidi. Per quanto possibile, è preferibile acquisire piante innestate dal centro del giardino. Più resistenti, queste piante sono naturalmente protette e consentono condizioni di crescita meno favorevoli. Per prevenire le malattie, spruzzare il porridge di Bordeaux su giovani viti. Usa un insetticida a contatto naturale per eliminare gli afidi che potrebbero contaminarli.

Quando raccogliere i meloni?

I primi raccolti vengono effettuati a giugno / luglio per colture "precoci", o anche prima se sei cresciuto sotto il vetro. Per le colture all'aperto, dovrai aspettare fino ad agosto e settembre. Quando le foglie e la buccia del frutto iniziano a ingiallire, questo è un segno che i tuoi meloni stanno iniziando a maturare. Il tipo di melone di Cavaillon o Charentais sono davvero maturi quando lo stelo - chiamato anche peduncolo - che conserva la vite comincia a incrinarsi. Le varietà lisce, ad esempio, dovrebbero avere 10 quarti chiaramente separati da una linea verde o blu più scura. Se conti solo 8 o 9, è meglio lasciare maturare i meloni per qualche giorno in più. I meloni devono essere raccolti alla fine della giornata. In effetti, dopo una giornata trascorsa al sole, il loro contenuto di zucchero è superiore a quello del mattino.


Commenti:

  1. Iov

    Perché hai sollevato il panico qui?

  2. Tyg

    ecco e ecco !!!!!!!!!!!!!!!

  3. Rans

    Questa sarà l'ultima goccia.

  4. Bssil

    Mi scuso, ma non è assolutamente necessario per me.

  5. Mokinos

    A mio parere, hanno torto. Propongo di discuterne. Scrivimi in PM.



Scrivi un messaggio